indice terniweb

turismo
locali
canali
cittą utile
meteo
oroscopo
forum
chat
mercatino
di Libero Gilera

Vedere Maradona adesso non č un bello spettacolo. C'ha la pancia che sembra un fustino di detersivo, la faccia gonfia da gaglioffo e la solita boria guappesca.
Cosa spinga ancora il giornalista militante Gianni Miną a intervistarlo non so. Al di lą delle magliette con l'effige di Che Guevara e del suo amore per Cuba, non ci sarebbe nulla di poetico nell'ex Pibe de Oro. Ma Miną č un tosto, ama i pezzi unici, quelli che vanno contro, malgrado tutto, quelli che denunciano imprestando la propria faccia ad una causa, quelli che, sebbene perdenti, hanno ancora da dire la loro, quelli che tutti vorrebbero stiano zitti e buoni a leccarsi le ferite e a vergognarsi. E' il suo modo di essere di sinistra. Predilige gli accerchiati, gli impavidi eroi solitari che mettono alla berlina i mali del mondo, dello sport, l'ipocrisia delle camarille di potere. E, con frequenza ossessiva, ci ripropone interviste a Pietro Mennea, a Fidel Castro, a Diego Armando Maradona. Se fosse possibile, intervisterebbe pure Pippo e Pluto che sparano a zero su quel perbenista di Topolino e sulla sua dolce metą che organizza party di beneficenza.
L'ultimo faccia a faccia che ho letto, ma forse nel frattempo ne sono usciti altri, č stato pubblicato a fine maggio da Repubblica.
"Questo racconto - dice Miną - inizia col sofferto discorso sulla dipendenza dalla cocaina. Perché non hai saputo difenderti da questo vizio?".
E Maradona - mi pare di vederlo tronfio come un bulletto della periferia romana- risponde:
"Io ho fatto una scelta cattiva, ma l'ho fatta".
E poi:
"Lo so, sono molto coraggioso, ma non mi va di essere indicato come il colpevole della droga nel mondo. Quando sono nato io, gią ci si drogava".
E poi gił duro contro il narcotraffico, contro i generali argentini che ancora sono liberi e via dicendo.
Un delirio di onnipotenza di uno al quale tutti sono ostili.
Ma perché dobbiamo leggere Maradona che ci spiega le sue sventure? Che, certo, si assume tutte le sue responsabilitą e riconosce di aver sbagliato, ma che, subito dopo, alza la posta e ci spiattella pillole di saggezza del barrio?
Vorrei che Miną lo facesse parlare soltanto di quanto sia stupido sniffare la cocaina, senza altri significati socio-culturali, senza altre denunce storiche.
Perché al Diego che continua a parlare di se stesso in terza persona, al Maradona spavaldo e innamorato del proprio ruolo, non vale la pena di prestare il microfono neanche per un minutino.
Quando Gianni Miną si renderą conto che non ne possiamo pił la smetterą.
Perché l'unica intervista a Maradona, ormai purtroppo impossibile, č quella di Giampiero Galeazzi. Oh, se ci dessero l'opportunitą di tornare indietro!


Lavora con noi | Per contattarci | Pubblicità | Disclaimer
Terniweb è un progetto Interbiz srl - Tutti i marchi registrati

Mercatino - Terniweb Forum - Terniweb Home Page - Terniweb